Archive

Archive for category: condivido

A place for coffee lovers

Categories: aggiorno, condivido, faccio, guardoTags: , , , View: 1.696 views

Molti di voi ricorderanno CafeXperiment, la mia collezione di foto di caffè, che dal 2005 al 2010 ebbe un enorme riscontro in Italia e all’estero.

Per chi non sa di cosa parlo, vi racconto di un semplice sito dove raccoglievo le foto della pausa caffè di chiunque voleva contribuire alla collezione: il sito ne pubblicava una al giorno, in un calendario che scandiva la nostra amata pausa caffè quotidiana, e rendendo tutti i fotografi e gli amanti del caffè protagonisti per un giorno, con la pict of the day in home page.

Beh, in questi ultimi giorni, dopo esser impazzita fra codici, ftp, dns, db… solo lieta di annunciare che CafeXperiment IS ALIVE (and kickin’). Read more →

Share Button

Il bello del web…

Categories: condivido, connettoTags: , , , View: 1.108 views

Come ripetuto spesso, il bello del web 2.0 è che ognuno può dire la propria, su ogni argomento.
Il brutto del web 2.0 è che ognuno può dire la propria, su ogni argomento.

[ ph wallbase.cc ]

Share Button

Un brindisi, una luna e un augurio

Categories: condividoTags: , , , , , View: 1.247 views

Lo splendore della luna, colla sua luce,
ha dilacerata la veste della notte; bevi vino,
ché un momento simile non è possibile trovare;
sii lieto e pensa che molti splendori di luna
verranno l’un dopo l’altro sulla faccia della terra.

Omar Khayyam

Share Button

Un regalo per le mie amiche: 25 modi per indossare un foulard

Categories: condividoTags: , View: 1.642 viewsImmagine anteprima YouTube

[ via feeldesain ]

Share Button

Da artista a designer fino a brand: la nuova evoluzione di una professione

Categories: apprendo, condivido, progettoTags: , , , View: 2.369 views

Ieri ho ricevuto l’ennesimo stop ai miei progetti.
E ““ come troppo spesso accade ultimamente ““ mi sono ritrovata a dover ridisegnare tutti i miei piani da capo.

Dopo un primo momento di dovuta rabbia e frustrazione per la difficoltà  di venir fuori da questo impasse professionale, mi sono rimboccata le maniche e stamane Read more →

Share Button

“Mi’ padre me diceva” di Aldo Fabrizi

Categories: cazzeggio, condividoTags: , , View: 3.621 views

Mi’ padre me diceva

Mi’ padre me diceva: fa’ attenzione
a chi chiacchiera troppo; a chi promette
a chi dopo èsse entrato, fa: “permette?”;
a chi aribbarta spesso l’opinione
e a quello, co’ la testa da cojone,
che nu’ la cambia mai; a chi scommette;
a chi le mano nu’ le strigne strette;
a quello che pìa ar volo ogni occasione
pe’ di’ de sì e offrisse come amico;
a chi te dice sempre “so’ d’accordo”;
a chi s’atteggia come er più ber fico;
a chi parla e se move sottotraccia;
ma soprattutto a quello – er più balordo -
che, quanno parla, nun te guarda in faccia.

Aldo Fabrizi

Share Button

Berlusconi, il conflitto di interessi e i soliti idioti – di Lorella Zanardo

Categories: condivido, polemizzoTags: , , View: 3.887 views
Mi permetto di pubblicare questo articolo di Lorella Zanardo dal Il Fatto Quotidiano, apparso ieri.
L’autrice esprime con molta chiarezza il mio pensiero di questi ultimi anni, meglio di come sia riuscita a farlo io.
E mi rincuora il fatto che non sia l’unica a pensarla così.

 

La stampa ci informa che  Berlusconi ha deciso di tornare in campo  utilizzando come ufficio stampal”intera Mediaset e probabilmente parte della Rai:  come reagirà  la sinistra a questa notizia?

Terminata la festa delle primarie durante le quali al tema monopolio dei media e legge sul  conflitto di interessi  era stato dedicato pochissimo spazio, come si pensa di affrontare questo problema che potrebbe condurci in un baratro?

Gli ultimi dati Istat ci ricordano che l”apparecchio tv è presente nel 98% delle case e che gli italiani sono alto consumanti di tv generalista. Degli italiani sappiamo anche che leggono pochissimo quotidiani e libri, che molti tra loro soffrono di un preoccupante  analfabetismo di ritorno  per il quale la Comunità  Europea ci ha più volte redarguito chiedendoci di correre ai ripari ““ l”educazione permanente che accompagna durante la vita è una realtà  in molti Paesi ““ che la percentuale delle persone che frequentano l”università  è inferiore rispetto agli altri Paesi europei, ma che in compenso il tasso di abbandono scolastico è più alto che in altri Paesi.

Serve altro per comprendere che occuparsi di televisione e di media è urgente ed è fare seriamente politica?

Bersani durante la sfida tv contro Renzi ha fatto riferimento all”errore commesso in passato: non avere fatto la Legge sul conflitto di interessi che avrebbe potuto porre un freno al potere mediatico di Sivio Berlusconi.

Da quell”infausto giorno però sono passati anni e ciò che preoccupa è l”incapacità  da parte della sinistra di valutare i  rischi gravissimi  dell”attuale quasi monopolio televisivo.

Ogni volta che il comportamento di Silvio Berlusconi viene duramente criticato da un quotidiano, si tratti di  Repubblica  o dell”Unità   o del  Corriere, il numero di persone raggiunte è  infinitamente inferiore  se confrontato con lo share di una qualsiasi puntata di Strisca la Notizia o di un altro programma Mediaset. Berlusconi arriva là  dove la sinistra non arriva e controbattere a quanto viene comunicato durante un programma tv, attraverso un articolo di fondo da un quotidiano significa sapere ben poco del pubblico a cui ci si rivolge: il pubblico che legge i quotidiani è solo in minima parte quello che guarda i programmi popolari Mediaset.

Nel mio ultimo libro “Senza Chiedere il Permesso” analizzo la comunicazione adottata dalla sinistra colta ed evidenzio come arrivi ad una percentuale minima di possibili elettori, che sono quelli che forse hanno votato alle primarie, 4 milioni, che hanno guardato con interesse al dibattito del 5 candidati su Sky, meno di 2 milioni. Insomma meno del 10% della popolazione che però è quella che ci governa, dirige i quotidiani, dibatte e crede di rappresentare l”Italia.

Che invece è rappresentata dai restanti 50 e più milioni a cui la tv si rivolge e che i quotidiani non riescono a raggiungere.

E” urgente mettersi in comunicazione con questa  moltitudine, gli altri, i pochi altri sono già  consapevoli.

Urge riprendersi la Rai e piazzare persone capaci nei posti chiave. Urge utilizzare i mezzi di comunicazione alternativi alla tv, il web ad esempio, per informare . Ma più di tutto servirebbe riprendere l”attivismo, andare in giro per il Paese, ripopolare le case del popolo, fare divulgazione nei centri commerciali, organizzare dibattiti per offrire una informazione alternativa a chi non ha mezzi culturali.

Serve andare nelle scuole prima che sia troppo tardi,  portando ai ragazzi e alle ragazze gli strumenti per decodificare la tv.

Con preoccupazione ci chiediamo perché non ci si metta subito all”opera.

 

8  dicembre 2012 | Commenti   | Il Fatto Quotidiano

 

Share Button

Codice etico per la comunicazione: dalla NPPA 9 valide regole

Categories: condivido, segnaloTags: , , , , , , View: 4.117 views

Dall’ottimo articolo di Marco Pinna, riguardo riguardo il rapporto fra etica e fotografia, ho voluto estrapolare  le nove regole del codice etico della  National Press Photographers Association  (NPPA), fondata nel 1947 e punto di riferimento per i fotogiornalisti americani e di tutto il mondo.

Queste regole, dove in primis va citato il buon senso (come ripeto ormai da tempo), a mio parere sono ottime per tutto il mondo della comunicazione: dai fotografi, ai giornalisti, agli art director, ai copywriter, fino alle nuove professioni 2.0.
Read more →

Share Button

Generazione perduta, no grazie

Categories: condivido, polemizzo, segnaloTags: , , , View: 1.271 views

Cosa succede quando, dopo che per anni hai cercato di far capire alla gente di far parte di una generazione invisibile, finalmente qualcuno se ne rende conto ufficialmente?

No, nessun motivo di gioia.
Solo l’attestazione di quanto già  sapevo e di quanto fa male vederlo ufficializzare. Read more →

Share Button

Faccio cose, organizzo eventi, psicanalizzo gente

Categories: condivido, faccio, segnaloTags: , , , View: 838 views

E sono tornata a fare eventi.
Come nel periodo d’oro di Stracantiere  (insieme a Paola e a Valentina), mi sono ritrovata ““ per caso e per scelta ““nell’organizzazione di Romammaglia 2012.
Amo l’adrenalina di questi momenti, la corsa e gli incastri per organizzare tutto al meglio, la fatica, gli scazzi, ma anche la soddisfazione di vedere artisti e pubblico felici per quello che si è riuscite a proporre.

E i rapporti interpersonali: così difficili, così totalizzanti, così necessari di tanta energia.
Ogni volta è una nuova e stimolante palestra di vita. Ogni volta si impara qualcosa di nuovo, si conoscono persone diverse e  la loro particolare psicologia: eh si, perché chi deve gestire tante persone deve anche imparare a capire esigenze e paure, nonché psicopatologie, e alla fine si ritrova a essere un mix fra una grande mamma e uno psicologo.

In ogni caso segnalo il progetto The SempliCity (da tenere d’occhio), l’evento  Romammaglia  2012 (fino a domenica 17/06, tutti i pomeriggi a Trastevere), e la mia piccola soddisfazione di esser stata ““  con Tiragraffi ““  media partner di Frontiers of Interaction 2012, una delle conferenze più stimolanti a cui ho assistito in Italia.

That’s all folks! (per ora)

 

Share Button