ciclo mestruale maschile

Ogni donna crede nei bioritmi, soprattuto quelli ormonali: non a caso, essendo di sesso femminile, subisce l’influsso nefasto del famigerato ciclo mestruale.

Ormai rassegnata alla mia natura riproduttiva, mi sono divertita a scoprire dell’esistenza di flussi mestruali maschili, abbastanza simili a quelli già  noti.

Solitamente, essendo una single (agg. s.f.: zitella) attempata (over 35), mi ritrovo circondata da amici e amiche sposati, conviventi o in felice fase genitoriale. Superate le varie fasi di sopportazione/accettazione della condizione di singletudine, da entrambe le parti, ho preso coscienza di essere entrata in una nuova era: un’era in cui si può essere amica di un uomo senza per forza doversi difendere da avance, in quanto già  impegnato e, presumibilmente, innamorato della propria compagna (spesso la compagna è anche amica).

Ma tornando al ciclo ormonale maschile. Durante i miei lunghi studi, ho raggiunto le seguenti conclusioni:

  1. il ciclo maschile dura un anno, a differenza di quello femminile che dura un mese;
  2. l’apice ormonale, il corrispettivo dell’ovulazione, viene raggiunto intorno al mese di luglio;
  3. nella fase di maggior fertilità , come per le donne, si ricercano solitamente dei partner sessuali adulti (ma anche no) adibiti alla riproduzione della specie;
  4. l’ovulazione maschile è maggiormente intensa in concomitanza alla partenza dell’abituale partner e/o prole per la casa al mare;
  5. solitamente questa fase coincide anche con un parziale calo delle facoltà  intellettive, per cui il soggetto maschile si ritrova a dire o fare cose, che durante il resto dell’anno non avrebbe mai avuto il coraggio (e la decenza) di fare… soprattutto nei confronti delle sue amiche.

In questa fase, tutte le amiche single vengono troppo spesso identificate come “prede consenzienti”.
E qui permettetemi la polemica: non è perché una sta da sola, significa che è così disperata da andare con il primo che passa per strada, neanche con il suo migliore amico (nonché compagno della propria migliore amica).
E non perché una è sola, va in giro con un cartello con scritto “entrata libera!“.
E non perché siamo sotto il periodo dei saldi, “la do via gratis”

A parte il fatto seduttivo ed etico: che stima potrebbe avere una donna in un uomo che decide di tradire la compagna con cui sta costruendo un futuro insieme?
Una pensa a come starebbe male se fosse tradita e si chiede perché dovrebbe far provare lo stesso ad un’altra donna (ce la vogliamo mettere un minimo di solidarietà  femminile in mezzo a tanta perfidia?).

Magari ci sono anche delle eccezioni, in cui una decide di cedere, per vari motivi:
- una notte e via (io non voglio sapere nulla di te e tu di me);
- lei non è un’amica (e quindi nessuna solidarietà  con una sconosciuta);
- c’è quasi amore (… e li ti sei fregata con le tue mani).

Ma avere la conferma di essere considerata solo la “bambolina gonfiabile estiva“, a disposizione, solo per il periodo estivo, per i frustrati del rapporto di coppia, soggetti a picchi ormonali e desiderio di sentirsi “galletto per una notte”… e no…

Le bamboline gonfiabili / usa e riponi per la prossima estate esigono anche un po’ di rispetto: e tu, eterno Peter Pan, costantemente in piena tempesta ormonale, ma con che faccia guarderai le tue amiche a settembre e farai finta di non aver mai detto quelle cose e fatto quella figura barbina?

Per la cronaca: in una settimana ho ricevuto 4 avances da amici/conoscenti sposati, di cui non faccio i nomi per tutela della privacy (neanche fossi Angelina Jolie… ammazzala quanto siete allupati). E l’ultima chat, conclusa in malo modo con uno di loro, mi ha fatto venire in mente di scrivere questo post… almeno metto un paio di puntini sulle “i” con 4 persone in contemporanea…

La morale qual è?
Forse che la regola citata nel film “Harry ti presento Sally” è sempre valida.

Harry: Personalmente non credo nell’amicizia tra uomo e donna. L’uomo davanti ad una bella ragazza, se la vuole sempre portare a letto
Sally: Quindi l’uomo può essere amico solo di ragazze brutte?
Harry: No, di solito si vuol fare anche quelle!

Share Button

24 Responses to ciclo mestruale maschile

  1. robie06 says:

    Il ciclo maschile dura 2 stagioni.
    Primavera ed estate, sarà  il caldo, sarà  che si mangia meno, sarà  che c’è voglia di andare al mare o comunque in ferie.. ma quando cominciano a sbottonarsi le prime camicette, generalmente il genere maschile dai 15 anni in su perde la testa.

    Però la colpa non è tutta degli ormoni, dall’altra parte della barricata molte ci si mettono apposta sulla sponda del fiume per vedere il cadavere che passa :D

    Per quanto riguarda, i Latin Lover estivi.. bah son dei coglioni a priori.. non è questione di stagioni.

    Rispondi
  2. andrea says:

    Il ciclo mestruale maschile mi mancava.

    Ma penso che tutti abbiano il proprio ciclo mestruale!
    ehehe :P

    Rispondi
  3. eniac says:

    Diamine Vale, non mi avevi mai detto di far parte del cast di “sex and the city” hahaha

    Comunque mi rattrista questo tuo racconto e mi convince sempre di più che la nostra società  sia portatrice sana di infelicità , più mi guardo intorno più vedo persone insoddisfatte, piene di angoscie, corrose dall’ invidia…il mondo va a puttane e l’ infelicità  le fa da maitresse.

    Rispondi
  4. bastet says:

    Mi rincuora (forse) il fatto che, ultimamente, se ne stia discutendo abbastanza in giro: significa che questa cosa non la noto solo io.

    Secondo me sono da leggere Libido uomo e’ cieca, ormone aumenta con qualunque donna, uno dei soliti articoli riempi-pagina dell’Ansa, e Gli uomini tradiscono più facilmente? Ma dove lo hanno letto?, un’analisi attenta di Giulietta Capacchione, su uno studio canadese appena pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology e travisato da un giornalista de La Stampa.

    Resta comunque la conferma che uomini e donne ragionano in modo totalmente diverso (per fortuna), e le dinamiche mentali maschili non rendono proprio onore alla categoria…

    Rispondi
  5. Shakib says:

    Io sono più o meno d’accordo con “Harry” (non Henry). C’è del vero in quello che dice e non è ipocrita. Il problema è che in tanti pensano come lui e in pochi lo ammettono. Comunque ci sono anche delle situazioni nelle quali la regola di Harry non vale.

    A presto,

    Sh

    Rispondi
  6. bastet says:

    grazie Shakib… ho corretto l’errore (avevo fatto copia-incolla senza verificare la fonte).

    cmq volevo aggiungere che non sto generalizzando: lo so che ci sono molte eccezioni, e fortunatamente di qualcuna ne ho avuta esperienza anche io.

    è solo che 4 avances in una settimana, memore anche delle stesse avances subite l’anno precedente… beh, chiunque se ne sarebbe risentita di essere considerata l’amante stagionale

    Rispondi
  7. Anto says:

    <> Neanche io con la prima che passa, ma una maggiore leggerezza (nel senso buono) tra single non guasterebba. Ricordati che non sei una merce, essendo passati 30 anni dall’emancipazione dovrebbe essere chiaro che né l’uomo né la donna sono “attivi” o “passivi” in assoloto. Tu pensi ancora di essere passiva in quanto donna, infatti parli ancora in questi termini: “la do”, “mi concedo”, “non è gratis”. Non c’è niente di male se tu e un tuo ipotetico migliore amico (stavolta single) con cui avete tutti i requisiti per trovarvi bene, vi mettete insieme, è un sacrilegio. E’ un tabù duro a morire quello che “l’amico ci starebbe, lui è un uomo, è normale, sono io che devo preservarmi. Ma da che? Quando si imparerà  che a parte per i bigotti, i retrogradi, gli invidiosi, non c’è nessuna moralità  da preservare non amando, “perché lui è un’amico” “lui se ne approfitta(??)”.

    Rispondi
  8. bastet says:

    caro anto, forse non hai capito bene il punto espresso nel mio post.
    il mio problema non è assolutamente il “darsi” fra single, non è il “preservarsi” per falsa ritrosia femminile, o trovarsi un “amico di letto” (che tanto fa bene all’anima :))

    a 30 anni suonati dall’emancipazione, io amo la leggerezza che si può trovare nei rapporti maturi fra uomo è donna: li considero un privilegio per le over 35 single ed evolute, e lo assaporo di continuo con gioia!

    il punto è solo che mi da fastidio essere considerata “sessualmente” da un uomo solo quando la compagna lascia il nido.
    e appena lei rientra all’ovile, essere relegata a 2 sms di auguri l’anno per natale e compleanno.
    perché in questo caso mi sento merce: quando vengo considerata uno “sfogo” appena la moglie non c’è (il famoso e volgarissimo “buco libero”) e non una “compagna di letto” con la quale condividere fantasie, segreti e giochi privati.

    non c’è nessuna moralità  da preservare non amando

    questa tua frase di chiusura non l’ho compresa bene… e cmq secondo il dizionario della lingua italiana, la moralità  è…

    s. f.
    1 l’essere conforme alla norma del giusto e dell’onesto:
    2 norme di comportamento e di vita conformi a determinati principi;

    ecco: a me non interessa essere conforme… a me interessa solo la coerenza.

    - se mi vuoi, sii coerente…
    - se desideri un’altra donna e la sposi (convivi ecc.), sii ugualmente coerente…

    siamo nel 2000, i galletti che pensano che ogni donna sia sua, hanno bello che stufato…

    e il bigotto è solo chi ancora afferma che quest’atteggiamento “fallocentrico” maschile non esiste più.

    Rispondi
  9. Cris says:

    Vale, le tue sono osservazioni di una realtà , come tali non sono discutibili, soprattutto quando tu stessa sottolinei la presenza di eccezioni. E sono perfettamente d’accordo con te sulla necessità  di coerenza, nulla di più.
    Mi chiedo però: i single hanno anche loro cicli ormonali? :)

    Rispondi
  10. bastet says:

    aggiornamento… sia la sera del 25 dicembre che stasera (sabato 7 febbraio), mi sono ritrovata a casa, da sola, connessa alla rete… a anche in questa situazione ho ricevuto altre due avances da amici (o presunti tali) in crisi con le rispettive compagne/mogli…

    scopro così di essere come il miele per le api per gli uomini soli il sabato sera sulla rete: ulteriore conferma alla mia teoria…

    ulteriori commenti su friendfeed

    Rispondi
  11. antonio pavolini says:

    sai cosa?

    credo proprio che, una volta accettata l’idea di tradire, il fedifrago (si dice così?) affibbi inesorabilmente alle sventurate oggetto del desiderio alternativo il triste ruolo di fornitrici di prestazioni di nicchia

    a costo di essere preso per i fondelli a vita da pierpaolo, funziona proprio come la coda lunga…se esci dalla logica del grande successo (la donna della tua vita) ed entri nella logica delle nicchie (le donne della tua vita) alle nicchie non chiedi quello che hai avuto fino ad allora: affidabilità , intelligenza, spirito critico…

    …proprio come “la cultura dei grandi successi”, che ha bisogno di grandi investimenti alle spalle per sopravvivere….la cultura delle nicchie richiede investimenti minori…

    secondo reich era persino più efficiente :-)

    secondo me, però, magari funziona col sesso, ma non coi sentimenti…

    io ho retto con questo tipo di modello per un annetto, non di più, in tempi universitari…con pessimi risultati :-)

    a

    Rispondi
  12. Gilgamesh says:

    In parte è vero quel che scrivi nel post, alcuni maschi più o meno adulti soffrono di un picco ormonale stagionale (dovuto a vari fattori) e l’esperienza del celibato e della (pretesa) castità  maschile del clero cattolico dimostra che l’anispermia causa strani scherzi e disturbi vari.

    Però sarebbe “divertente” se pure voi donne anziché ovulare tutto l’anno andaste in estro come quasi tutti gli altri mammiferi, e spandeste feromoni solo in primavera/estate: pensa, durante tutto l’anno un amichevole cameratismo, scherzi innocenti e al massimo ammiccamenti, poi all’improvviso, un cambiamento nell’aria e partono gli ululati, le scazzottate tra pretendenti e le gare per accapparrarsi la compagna / il compagno migliore.

    Pensa come cambierebbe la nostra società  e la vita lavorativa :)

    Rispondi
  13. bastet says:

    il ciclo mestruale maschile colpisce ancora: 3 avances in poche ore e in momenti poco consoni… e stamane, appena sveglia, la 4a…

    o sono diventata come angelina joilie, oppure agosto fa proprio male ai maschietti…

    fortunatamente non erano tutti sposati i pretendenti: forse c’è ancora speranza…

    Rispondi
  14. bastet says:

    nuovo picco ormonale maschile di metà  agosto: in pochi minuti 2 persone diverse (di cui una recidiva) mi hanno fatto nuove avances “velate”…

    cmq avee due uomini in contemporanea in chat, che ti fanno le stesse identiche avances, fa riflettere sulla sincronia dei clicli mestruali maschili…

    Rispondi
  15. ArMyZ says:

    Hai scritto:
    “il punto è solo che mi da fastidio essere considerata ‘sessualmente’ da un uomo solo quando la compagna lascia il nido.
    e appena lei rientra all’ovile, essere relegata a 2 sms di auguri l’anno per natale e compleanno.
    perché in questo caso mi sento merce: quando vengo considerata uno ‘sfogo’ appena la moglie non c’è (il famoso e volgarissimo ‘buco libero’) e non una ‘compagna di letto’ con la quale condividere fantasie, segreti e giochi privati.”

    Sono perfettamente d’accordo con te. Però attenzione a schierarsi da una parte: se c’è la domanda c’è l’offerta o è viceversa? Attenta perché sono molte le donne che preferiscono essere considerate proprio come tu (giustamente, a mio avviso) non accetti forse anche ostentando una distorta e/o complessa emancipazione

    Rispondi
  16. bastet says:

    su questo hai ragione… ma non credo che l’offerta sia così elevata come affermi tu, tanto da giustificare un atteggiamento del genere…
    non penso che alcun uomo possa affermare con assoluta certezza che l’80% delle sue amiche o delle amiche della sua compagna siano sessualmente disponibili per lui…

    quindi, questo tipo di atteggiamento non è giustificato da questa presunta, distorta e/o complessa emancipazione come dici tu… per la quale siamo ancora fin troppo lontane…

    Rispondi
  17. ArMyZ says:

    Alcune precisazioni. Non ho parlato di maggioranza o di percentuali. Ho solamente scritto che esiste un’altra possibilità  e chiave di lettura.
    Inoltre, l’osservazione in merito all’emancipazione non era riferita a te ma alla mia affermazione “ci sono molte donne che”, per chiarezza.

    Rispondi
  18. Cris says:

    “…che stima potrebbe avere una donna in un uomo che decide di tradire la compagna con cui sta costruendo un futuro insieme?” L’osservazione è estremamente corretta, ma ne conosco tante che perdono la testa per lo sposato/accoppiato di turno. Qualche donna è in grado di illuminarmi? :)
    Fra parentesi più che di ciclo mestruale maschili parlerei di cicli ormonali maschili, punto e basta :)

    Rispondi
  19. cino says:

    Da quello che so io il ciclo ormonale maschile dura 33 giorni. Mentre quello da te notato non è altro che l’effetto che il cambio di stagione ha sull’uomo… questo “rinvigorimento” ormonale comincia sempre in primavera e dura fino all’arrivo dell’inverno, ma non è legato al ciclo ormonale. Nonostante ciò i maschi spesso sentono l’effetto “stagionale” molto di piu di quello ciclico..

    Rispondi
  20. satanik says:

    …io da quando lavoro al CIM il ciclo mi viene tutti i giorni…

    Rispondi
  21. valentina cinelli says:

    è agosto, moglie mia non ti conosco.
    non solo gli uomini sposati si rifanno sotto (e oggi è il 1à° del mese) ma anche gli ex, quelli che hai scoperto pure bugiardi…

    chat su whatsapp e commenti su ff.

    Rispondi
  22. Mattia Dantes says:

    Che bei discorsi…tutti pronti a fare sermoni e a dare lezioni di fedeltà ,moralità ,rettitudine.
    Chi parla di frustrati estivi…ragazze che si erigono a paladine dell’etica di coppia!Nessuno ha colpa di vivere!Questo penso io!Quanta noiosa retorica del cazzo!
    Non serve solo una scrittura fluida e brillante ma anche dei contenuti meno triti e ritriti.
    Fatelo nei cessi dell’autogrill,fatelo nei motel,fatelo e basta!
    Ogni volta che leggo lo scritto di un moralista ho la sensazione di essere di fronte al desiderio nascosto di un personaggio che vorrebbe rubare una mela sul ramo che esce dal recinto e s’affaccia sulla strada e non ne ha il coraggio.
    Coraggio…scopate!

    Rispondi
    • valentina cinelli says:

      Mio caro Mattia,
      ma hai letto tutto e bene? Qui nessuno sta a insegnare la morale.

      Qui nessuno sta facendo l’elogio della fedeltà , ma la richiesta di non trattare le amiche di letto come se fossero giocattoli telecomandati: ON-aprigambe / OFF-sticazzidichisei.

      Non c’è retorica “del cazzo” e neanche mancanza di coraggio: l’unica retorica che vedo qui è quella di qualche maschietto che ragiona ancora in maniera fallocentrica.
      Il vero coraggio non è quello di uscire e copulare, ma quello di instaurare rapporti (non solo di coppia) con le persone.

      Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>